Aprire un Bar

Aprire un bar è il vostro sogno nel cassetto? Avete sempre pensato di aprire un bar, ma diversi motivi vi hanno tenuto lontani da questo vostro proposito? Be’, si capisce, prendere questa decisione è molto difficile…Aprire un bar infatti non significa soltanto iniziare una semplice attività lavorativa, poiché la particolarità di questo mestiere deve necessariamente avere alla base la volontà di affrontare giornalmente diversi problemi, quali il contatto diretto con la propria clientela, idee gestionali innovative e coinvolgenti, costante dialogo con i fornitori delle merci e tanto altro ancora.

Come aprire un bar

Innanzitutto per aprire un bar bisogna informarsi circa la serie di documenti necessari per avviare l’attività. La vecchia licenza per l’apertura oggi non è più richiesta. Tuttavia ci sono alcuni corsi obbligatori che devono essere seguiti, tesi ad una formazione idonea del personale. Parliamo in primis del corso HACCP, che va a sostituire il vecchio libretto sanitario. E’ necessario che tutti i coloro i quali lavoreranno nel bar seguano questo corso. Esso è inerente la conservazione, manipolazione e somministrazione dei cibi. Il corso SAB invece deve essere sostenuto da un solo rappresentante della nuova attività.

continua

Come rendere vincente la mia attività

Non esistono regole precise in grado di garantire la remuneratività della nostra attività. Il successo di un bar, come per ogni attività lavorativa, sta nella capacità del proprietario di gestire i propri affari. Certamente un’attività del genere ha bisogno di alcune accortezze per poter procedere nel migliore dei modi. Prima su tutti l’attenzione verso la propria clientela. Il bar è un luogo quasi sacro, a metà tra l’intrattenimento e la necessità. Può rappresentare un punto di incontro sociale come una risorsa per alcune piccole spese quotidiane. I clienti devono essere messi sempre a proprio agio: solo allora decideranno di tornare di nuovo da noi.

Da questo punto di vista la cordialità, un certo savoir - faire, la tranquillità sono elementi essenziali per la creazione di un luogo piacevole da frequentare. Naturalmente non basta solo applicare le buone maniere comportamentali. Sono fondamentali la pulizia del locale e la qualità dei prodotti venduti alla clientela. Nessuno andrebbe a fare colazione in un locale sporco, o che smercia prodotti di scarsa qualità. La gestione di un bar deve essere svolta a 360 gradi, stando attenti a tutte quelle che sono le necessità del cliente. Gli orari continuativi di un’attività del genere possono facilmente destabilizzare chi non riesce a trovare facilmente nella propria disposizione d’animo queste caratteristiche di generosità ed attenzione per le necessità del prossimo.

Stima delle possibili entrate

guadagni derivanti dall'apertura di un barUn bar può rivelarsi facilmente un'attività molto remunerativa, soprattutto se avviato e gestito nel modo giusto, con una discreta clientela fedele. E' pur vero che gli orari di lavoro sono molto lunghi, dunque i guadagni risultano spesso ad essi equilibrati. Esistono alcune accortezze che possono migliorare la fruizione di clientela verso la nostra struttura. Un primo esempio potrebbe essere quello di ottenere una licenza di tabaccheria, per poter in questo modo accedere alla vendita dei diversi prodotti per i fumatori. Altro esempio è quello dell'installazione di congegni elettronici ludici, come i video poker, ormai presenti in ogni bar. Importante la scelta del luogo per l'apertura dell'attività: inutile iniziare concorrenze con bar già attivi da tempo. Meglio selezionare aree in cui questo tipo di attività scarseggia. Inoltre è bene diversificare la vendita dei prodotti alimentari, non limitandosi solo a quelli per la prima colazione, ma aprendosi alla vendita di tramezzini, pizzette, panini. Seguendo poi gli ultimi trend sarebbe bene fornirsi di prodotti per quello che ormai sembra essere divenuto un vero e proprio “must” per la clientela: l'aperitivo.